Caro diario…

Stamattina camminavo. Guardavo di proposito oltre i passi, occhi bassi. Forse per sentire, come fossi lontano oppure dentro un guscio protettivo, il rumore del mondo già in movimento. Da un lato il grido di potenza dei motori, dall’altro un residuo di silenzio notturno ancora in corpo. Vedevo mentalmente i motorini e le auto passarmi di lato nelle due direzioni. Gli sguardi dei passanti più mattinieri di me. Immaginavo anche quelli, senza distogliere la visuale dal marciapiede, al mio passo regolare.

37524989522_5c685a92c3_o

Verso sera invece, andando incontro al tramonto, mi lasciavo dietro i pensieri del giorno, anche quelli conficcati nel profondo.

37525039972_2464f1387a_o

Simile ad uno di quei paracadute a motore, tanto distanti da sembrare silenziosi, procedevo scivolando sull’asfalto della via di casa, popolata di colori mai visti. Eppure familiari e intonati alla musica interiore che suonava al ritmo del motore.37525023342_96b5212c68_o

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...