Ritratto invisibile

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/928/20336491/files/2014/12/img_2368.jpg
Mil / 23dic14

Seduta a terra, schiena contro il muro, gambe raccolte, braccia intorno alle ginocchia, viso inclinato, sguardo attento, occhi pieni di parole, nessuna pietà, imploravi muta, solo un po’ di attenzione sembrava richiedere quel cartello ai tuoi piedi, spiegavi con grafia da impiegata che ti serve un letto, ritrovare un lavoro. Il bavero alzato era di un giubbotto carino, non ancora segnato dalla strada che ora è la tua casa. Avremmo potuto essere colleghi, o semplicemente amici. Invece ti sono passato accanto, mentre percorrevo Milano, senza parlare, senza mettere una moneta sulla tua coperta, senza nemmeno fotografarti. Non avrei mostrato ad altri il tuo volto, uno sguardo non può replicarsi. A volte il ritratto è invisibile, è solo un ricordo, un inutile rimpianto.

Annunci

3 pensieri riguardo “Ritratto invisibile

    1. Oh sì, le foto non fatte sono molte molte di più degli scatti che hanno preso consistenza con la fotocamera ! In realtà, credo non sia esatto dire che si tratta di foto non fatte, sono comunque immagini realizzate, anche se solo con la mente o col “cuore”. Grazie !

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...